domenica 17 ottobre 2021
 

Un mondo di Volley

Radio 101.5

Volleymania

Numeri
Prisma srl
.
 
Sportlinx360
#16015 B1F > Derby amaro per l’AST Latina: ancora zona rossa per la squadra di De Sisto Stampa
domenica 19 dicembre 2010

Michela Sciscione

ASD CAFFE’ CIRCI SABAUDIA – AST LATINA VOLLEY (3-0) 
(25-16;  25-22; 25-15)

ASD CAFFE’ CIRCI SABAUDIA: Centi 7, Fiore 14, Cimoli ne, Agola 12, Vaccarella ne, Carminati 8, Puchaczewski ne, Antonucci 14, De Angelis 1, Marazza 4, Miatello ne, Scognamillo (lib. 87%). All: Casalvieri
AST LATINA VOLLEY: Tarantino 6, Orsi 7, Teofile, Flammini 5, Umanski 1, Grando 11, Giolini 2, Sciscione ne, Lucioli, Pinci (L). All: De Sisto
Arbitri: Di Meglio (Casoria) e Moratti (Frosinone)
Note. Sabaudia: ricezione 58%,  attacco 45% pos., ace 8, battute sbagliate 7, muri 6. Latina: ricezione 42% pos. , attacco 30%, ace 1, battute sbagliate 3, muri 3

Sono passati circa tre mesi dall’ultimo derby: in palio il passaggio alla seconda fase di Coppa Italia. Ma cancelliamo il passato. Oggi si parla di campionato e il discorso cambia, ma non il risultato. Le ragazze di De Sisto, infatti, hanno interrotto la tradizione che da due anni a questa parte le aveva viste uscire sempre vincitrici dal “fatidico scontro”. Un match dominato dalle padrone di casa, forse per demerito di un Latina fin troppo altalenante che conferma la sua allergia da punti lontano dalle mura amiche.
Come ogni derby che si rispetti le due squadre entrano in campo con la voglia di portarsi a casa l’intero bottino che, oltre ai 3 punti, regala sempre quel ‘quid’ in più. L’ASD Caffè Circi Sabaudia ritrova il suo capitano, Gabriella Agola, fermata più di un mese fa da un infortunio al gomito. Meno fortunata l’AST Latina Volley che scende in campo con una rosa rimaneggiata, causa la lesione al menisco che ha costretto Pappacena ad una pausa forzata. Tocca a capitan Grando, dunque,  interpretare il ruolo di martello e a Lucioli, sostituita poi da Giolini, quello di opposto. A questo  aggiungiamo l’infortunio che patisce il libero di Latina proprio al termine della prima azione. Un incidente che la costringerà ad abbandonare il campo da gioco con l’amaro in bocca e a lasciare il posto alla giovane Teofile, tornata a toccare palla solo questa settimana a seguito di uno stiramento che l’ha tenuta un mese a riposo. L’inizio, dunque, non sembra dei migliori per le ragazze del presidente Bacaloni, che a tratti lasciano comunque intravedere un buon gioco.
Il primo set si apre a favore delle atlete di Casalvieri che danno prova di essere una squadra ormai consolidata, in cui è l’ordine a fare da padrone. Subito l’AST in difficoltà: la ricezione barcolla, merito anche del buon servizio di Fiore e compagne; Umansky si affida alla Grando che, del resto, non può fare miracoli contro un muro alto e sempre ben piazzato. Le atlete di De Sisto sembrano non trovare la giusta combinazione e il gioco ben orchestrato da Marazza le mette alle strette. Così,  sul punteggio di 25-16 si chiude un set a senso unico.
Stesso discorso nel secondo parziale. Il Sabaudia parte in quarta: vuole chiudere la pratica Latina in 3 set. Le giocatrici biancoazzurre glie lo fanno credere. Ma quando ormai tutti sembrano rassegnarsi ecco la reazione: Grando e compagne effettuano il sorpasso e portano il punteggio sul 12-13. Abile la Flammini a rischiare il servizio, approfittando della ricezione di Sabaudia ormai in tilt. Brava la squadra a ritrovare l’ordine in difesa e le giuste scelte in attacco che le permettono di portare a casa un break di 7 a 0. Ma la Casalvieri non ci sta ad assistere da spettatrice alla disfatta della sua squadra, ed ecco il primo cambio: esce Fiore entra De Angelis. Carminati sblocca il punteggio e insieme ad una scatenata Antonucci trascina la squadra di casa alla vittoria del secondo parziale sul punteggio di 25 – 22.
Il terzo set segue la falsa riga del secondo.  La squadra di coach De Sisto c’è e non c’è: alterna scambi tecnicamente validi e “sanguigni” ad azioni confuse e incolori. La ricezioni migliora e consente a Umansky di sfruttare il gioco con i centrali, che spesso coglie impreparato il muro di casa. L’AST prova a spaventare le padrone di casa (7-10), ma la Fiore ricarica le pile e interrompe l’inerzia della squadra bianco blu. Poi di nuovo blackout per la squadra ospite che in un batter d’occhio si vede superata e sconfitta da un Sabaudia che mette in tasca tre punti preziosi per la classifica.

 
< Prec.   Pros. >
.

Ultime notizie

Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002

© 2021 Volley Mania Web
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.