domenica 17 ottobre 2021
 

Un mondo di Volley

Radio 101.5

Volleymania

Numeri
Prisma srl
.
 
Sportlinx360
#15855 A2M > Geotec Isernia: lotta, sbaglia…e vince Stampa
venerdì 10 dicembre 2010

Donato Giannini

GEOTEC ISERNIA - SIR SAFETY PERUGIA 3-2
(22-25, 25-15, 28-26, 19-25,15-13)

Geotec Isernia: Fiore 14, Valera 8, Turano 2, Sabbi 32, Pambianchi 4, Westphal 16, Giosa 6, Puhar 2, Beccaro 0, De Paola, Spampinato (L), De Caria (L). Non entrati: Capra. Allenatore: Cannestracci.
Sir Safety Perugia: Hietanen 16, Rigoni 5, Morelli 0, Serafini 0, Curti 10, Saitta 5, Dokic 23, Ranghieri 9, Tomasello 7, Prandi (L). Non entrati: Bagnolesi - Barbareschi - Lattanzi - Fusaro (L). Allenatore: Fant
Arbitri: Falzoni Alberto - Pignataro Patrizia
Note: Spettatori: circa 800
Durata set 0.26 – 0.26 – 0.32 - 0.26 - 0.18 tot. 2.08'

È la solita Geotec. Quella che lotta, sbaglia, ci mette grinta, si distrae. Ma che alla fine ottiene il risultato. Quale migliore occasione se non quella di un mercoledì di festa per non accontentare i tifosi con due punti e una prestazione soddisfacente? Il Safety Perugia ha combattuto su ogni palla, ha rischiato di vincere, è stata più volte in vantaggio. Ma alla fine il risultato è quello giusto: due punti alla Geotec, uno alla Safety.
Il match si apre subito in salita per i pentri. Il palleggiatore Saitta mette subito in difficoltà i biancoazzurri che subiscono i primi due punti. È il solito Giulio Sabbi ad aprire le danze per l’Isernia. Fino al 3-3. Da qui in poi inizia il vantaggio degli umbri che, con un muro su Pambianchi, un punto di Rigoni e un ace di Dodic, arrivano al primo time-out tecnico in vantaggio per 8 a 5. Il ritorno in campo dopo la breve pausa è a senso unico: il Perugia allunga sulla Geotec fino 13-7. Nonostante un Sabbi in serata è il Perugia che si porta sul 16-10. Da qui la reazione dell’Isernia: 16-13 e 17-16 per gli ospiti, poi con un muro di Giosa, la Geotec si porta in parità (19-19). Con gli avversari alle calcagna Perugia chiama il time out e blocca l’ascesa della Geotec. Qualche ricezione imperfetta della difesa pentra, l’entrata in campo di Hietanen e il Safety ha il set point, chiuso dagli umbri alla seconda occasione. Il primo set finisce 25 a 22 per gli ospiti.
Lavata di testa di Cannestracci, e Valera e compagni rientrano più agguerriti che mai. Prima un muro su Rigoni, poi un ace di Valera, Westphal mette giù il punto, Sabbi mura da solo Dodic e l’Isernia è sopra di 4 punti. Qualche distrazione e il primo time-out tecnico vede i pentri sopra per 8 a 4. Turano, in campo su Pambianchi entra subito in partita. Una pipe spettacolare di Fiore infiamma il palazzetto e l’Isernia arriva alla seconda pausa migliorando il divario: 16 a 9. I Perugini si addormentano e l’Isernia né approfitta. Giosa fa la sua parte insieme a Westphal e al nuovo entrato Puhar. Si alternano le sostituzioni in casa Safety ma a dettare l’andamento è sempre la squadra di Cannestracci, che ritrova nel secondo set grinta e coraggio. Il parziale si chiude 25 a 15 per i padroni di casa.
Riacquistata la fiducia, la terza frazione di gioco vede sempre la Geotec avanti. I parziali sono 8-6, 16-10. Nella terza parte però, un calo di concentrazione e la partita si riapre. Il Perugia, guidato da un ottimo Saitta e da uno spietato Dokic, ribalta la situazione e riesce a portarsi in vantaggio sul 21 a 20. L’Isernia non molla e Sabbi decide di tornare in cattedra e, insieme a Westpahl, guida la squadra alla vittoria del terzo set, dal finale al cardiopalma: 28 a 26.
Il quarto parziale è come il primo. Valera e compagni calano, e gli umbri né approfittano: 8-5, 11-16 e 15-21, i punteggi a favore degli ospiti. Di nuovo i troppi errori consentono alla squadra umbra di rimettersi in corsa per la vittoria.
Si va al tie-break. Saitta in battuta sbaglia la prima palla ma subito dopo Turano si fa murare. Nei primi scambi entrambe le squadre subiscono la tensione del set decisivo e nessuna delle due riesce a prendere il largo. Le formazioni proseguono appaiate: 5-4, 9-10, 11-12 i parziali del tie break. L’andamento è incostante, le squadre non mollano e arrivano al 13 pari. Uno splendido muro di capitan Valera dà il vantaggio aidroni di casa e, come nelle più belle storie, un ace di Sabbi che sfiora la rete, chiude il match.

 
< Prec.   Pros. >
.

Ultime notizie

Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002

© 2021 Volley Mania Web
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.