domenica 17 ottobre 2021
 

Un mondo di Volley

Radio 101.5

Volleymania

Numeri
Prisma srl
.
 
Sportlinx360
#15231 A1M> M.Roma, dimenticata Vibo Stampa
sabato 06 novembre 2010

foto Giulia CarbonariMarco Benedetti

Non basta una volenterosa Forlì per impedire la seconda vittoria di Roma

M.Roma Volley – Yoga Forlì 3-1 (25-21/17-25/25-20/25-17)
M.Roma: Poey 23, Zaytsev 9, Paolucci, Lebl 5, Uriarte 2, Tomatis, Cesarini (L), Corsini, Saraceni, Bencz 1, Yosifov 9, Cisolla 13 Corsano (L). all.: Giani
Forlì: Falasca 12, Bacci 1, Diachkov 12, Cuturic 3, Olivucci, De Pandis (L), Ainsworh, Saitta 4, Kovacevic 4, Bellei 2, Oivanen 5, Bovolenta 12. All.: Molducci
Arbitri: Braico – Rapisarda
MVP: Poey

Dimenticare Vibo era l’imperativo di questo anticipo per la M.Roma, missione compita. I ragazzi di Giani si sbarazzano della pratica Forlì nell’anticipo televisivo della terza giornata soffrendo solo per un set e mettendo in mostra quei progressi settimanali necessari per dare continuità a classifica e autostima. Roma parte con buona continuità e conquista ben presto le redini de gioco; Uriarte coinvolge tutto il fronte offensivo e le risposte sono più che sufficienti per mantenere avanti la formazione capitolina. Dall’altra parte della rete Saitta vorrebbe la medesima risposta da parte dei suoi compagni, ma la propensione al fallo da parte di Forlì è ben superiore. E’ il muro che assegna il set, prima Yosifov poi Poey si esibiscono con successo nel fondamentale e scavano il solco che lancia Roma verso la conquista del parziale; con il più tre alla boa del venti tutto risulta più facile, l’affanno di chi deve recuperare complica maledettamente la vita agli ospiti, Poey toglie tutti dall’impaccio, il suo ace mette il sigillo. Il trend non muta nemmeno nel secondo parziale, le due formazioni si mantengono a stretto contatto, la discriminante è il fallo, soprattutto al servizio. Forlì si assesta meglio, limita i danni ed affonda i propri colpi. Roma, al contrario, nel cammino perde inerzia e qualità, i colpi non hanno più efficacia; per gli ospiti è un comodo viaggio in autostrada che porta al pareggio. Lo schiaffo preso induce Roma alla reazione, tutti i reparti hanno un sussulto che porta ad innalzare il rendimento nei vari .fondamentali: è il referto il notaio della “nouvelle vague” capitolina, il secondo time out tecnico vale un più cinque per Roma, tutto il fronte offensivo che si toglie ogni soddisfazione. Per Forlì le luci si spengono velocemente, è ancora Poey a favorire la “dipartita”. Calvario, però, che prosegue anche nel quarto parziale, Forlì non riesce a dare ritmo ed efficacia ad i propri colpi, Roma, al contrario, capitalizza al meglio il lavoro di squadra, Poey e Zaytsev pensano a finalizzare le imbeccate di Uriarte. Molducci le prova tutte, in primis il cambio in regia con Bacci che prende il posto di Saitta, poi il tourbillon delle ali, il tentativo, però, non sortisce benefici, per gli ospiti la storia ha un epilogo sin troppo veloce.
foto Giulia Carbonari
 
< Prec.   Pros. >
.

Ultime notizie

Iscrizione Tribunale di Roma Sezione Stampa e Informazione n. 687/2002

© 2021 Volley Mania Web
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.